A voi il migrante, il nero e l'infettato

A voi il migrante, il nero e l'infettato

26.11.2014 - 16:32

0

C’è un buco nero nelle nostre società. Si chiama esclusione e differenza. Papa Francesco va a Strasburgo e ricorda al Parlamento europeo che nessuna comunità si può costruire senza che abbia al centro il valore della dignità dell’individuo, il rispetto della persona, chiunque sia e da dovunque arrivi. Lui che aveva iniziato il suo pontificato con il viaggio a Lampedusa. Intanto, negli Stati Uniti, dilaga la protesta perché il Gran Jury ha deciso di non incriminare l’agente che il 9 agosto a Ferguson, Missouri, ha ucciso il giovane afro-americano Michael Brown. In America ogni tanto capita che la polizia faccia uso delle armi con troppa fretta e troppo spesso capita che ad essere colpiti siano i neri e che non vengano indagati i responsabili. Infine, un nuovo fantasma che da ieri si aggira per il nostro Paese. L’Infettato. Anche questo è il segno di una differenza, che non è razziale, ma rimanda alla paura ancestrale del contagio, del corpo stregato che può corrompere e devastare la nostra vita e da cui, dunque, dobbiamo difenderci. Tre casi diversi, il Migrante, il Nero e l’Infettato. Riguardano vicende diverse che si svolgono in situazioni lontane l'una dall’altra. Il Mar Mediterraneo con il flusso ininterrotto dei barconi che approdano sulle coste italiane che dovrebbero essere anche quelle europee. Gli Stati Uniti e in particolare gli Stati del Sud dove, nonostante le leggi e gli anni passati, il riflesso condizionato del razzismo è ancora lungi dall'essere debellato e i neri vivono come nel sopruso e nella emarginazione. L'Alto Volta dove è esploso il virus ebola e troppo lenta e disorganizzata è la risposta che arriva dalla comunità internazionale per affrontare lì e con mezzi adeguati l'emergenza. E, tuttavia, mi pare che uno stesso filo unisca trasversalmente queste tre vicende e riveli una questione che sta al fondo delle nostre società e del modo in cui per storia e cultura si sono organizzate. L’identità e la differenza, da sempre i gruppi umani si reggono su questo architrave. Qualcuno ha di più e conta di più, qualcun altro ha di meno e conta di meno o magari niente. Il potere ha sempre funzionato così, ha distinto in modo da costruire recinti e reti di protezione, anche quando la democrazia avrebbe dovuto invertire questo disegno ed orientarlo verso un equilibrio tra libertà e uguaglianza, capace di garantire i diritti (e i doveri) di tutti nella comune appartenenza a una stessa società e a uno stesso Stato. Naturalmente, la tentazione del potere è stata ancora più forte quando ha potuto esercitarsi sulle differenze, o meglio quando le ha stigmatizzate - rispetto agli identici da proteggere - e le ha trasformate in un marchio simbolico, alimentando la percezione di un rischio e di un pericolo. Il risultato? La paura del diverso attraverso cui consolidare l'immagine dei ceti dominanti e assicurarne la continuità. Il catalogo è lunghissimo e riunisce le figure più diverse, basta scorrere la storia anche della nostra civilissima Europa: le streghe, gli eretici, i poveri, i folli, le minoranze etniche, il proletariato, le donne, gli omosessuali, i rom, gli ebrei.. fino ai migranti che si riversano sulle nostre coste, che arrivino dalla Siria, dall’Iraq o dal profondo dell'Africa. Così, sentiamo tuonare contro l'invasione e assistiamo a una guerra fra poveri che viene strumentalizzata per colpevolizzare un nemico e farne la causa di ogni problema. Un atteggiamento diffuso che sorvola sulla storia e le sue contraddizioni, guarda agli ultimi cinque minuti, fa di ogni erba un fascio ed enfatizza quello che serve per gonfiare la retorica populistica e nazionalistica. Negli Stati Uniti il nodo non è troppo diverso. Persiste uno cultura del razzismo in un Paese che si è costruito, va ricordato, accogliendo e che oggi più che mai si arricchisce e si sviluppa grazie al contributo delle più diverse culture ed etnie. I neri sono stati assoggettati a una tratta selvaggia che li ha relegati nella soggezione e nello sfruttamento, uno dei motivi - non il solo - che stanno alla base della Guerra di Secessione e del Programma di Emancipazione di Lincoln. Sono passati secoli e vediamo che lo spettro del razzismo non è ancora domato. Non è bastato un presidente nero come Obama che, proprio qualche giorno fa, ha annunciato una sanatoria per cinque milioni di clandestini e, difronte alle fiamme di Ferguson, continua a invitare alla calma. Intanto, l’Infettato passa da un involucro plastificato all'altro, circondato dalle tute bianche di decine di medici e infermieri. Se qualcuno avesse dubbi su dove stia nell'immaginario, basterebbe andare a legge La storia della colonna infame di Alessandro Manzoni. Dove si parlava della peste che nel ‘600 colpì Milano e degli untori che l'avrebbero propagata.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il paradiso delle signore, anticipazioni del mese di marzo: Angela, il figlio abbandonato e il mistero
Soap

Il paradiso delle signore, anticipazioni del mese di marzo: Angela, il figlio abbandonato e il mistero

La puntata del prossimo 6 marzo del Paradiso delle signore promette grandi novità. Le anticipazioni rivelano che Angela Barbieri (Alessia Debandi) nelle puntate in onda nella prima settimana di marzo riceverà dal suo avvocato la notizia che è stato rintracciato il figlio che la giovane aveva abbandonato. Il bambino, Matteo, è stato dato in adozione e sta bene.  Riccardo Guarnieri (Enrico Oetiker) ...

 
Paradiso delle signore, Alessandro Cosentini festeggia il compleanno sul set. Gli auguri di Flavia Brancia
Soap

Paradiso delle signore, Alessandro Cosentini festeggia il compleanno sul set. Gli auguri di Flavia Brancia

Alessandro Cosentini, l'attore che nella fiction di Rai1 Il paradiso delle signore impersona Cosimo Bergamini, il 19 febbraio ha festeggiato il compleanno sul set. Cosentini è nato 34 anni fa in Calabria. A festeggiarlo, con post sul suo profilo Instagram, tutti i colleghi. Flavia Brancia di Montalto (Magdalena Grochowska) ha dedicato al collega anche un simpatico video. Nella serie Bergamini è ...

 
Gianna Nannini canta in auto con la figlia Penelope che conosce perfettamente la canzone "Motivo"
Social

Gianna Nannini canta in auto con la figlia Penelope che conosce perfettamente la canzone "Motivo"

Gianna Nannini mostra sempre più spesso attimi della sua vita privata, utilizzando il suo profilo ufficiale Instagram.  Bellissimo il video della cantante in auto con la figlia Penelope, con la bambina che chiede alla madre di cantare la sua canzone Motivo. La cantante senese inizia "Sai ci son rimasta male..." e poi è la piccola Penelope a proseguire, dimostrando di conoscere a memoria tutta la ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015