Vietato dire non ce la faccio più

Donatella ha riscoperto la voglia di vivere

23.02.2015 - 09:51

0

Nella vita di ognuno esistono momenti in cui ad un tratto si vede tutto nero. Non esiste un motivo preciso ma è come imboccare un tunnel di cui diventa impossibile vedere via d'uscita. Questo è quello che è successo a Donatella. “E' come avere un baratro davanti, allora si prova a tornare indietro, ma anche là c'è un altro fosso”. Donatella racconta la sua storia di depressione e rinascita come una sorta di corsa ostacoli. “Non lo so perché mi è successo, so che a un certo punto è come se avessi iniziato a spegnermi”. Una vita normale, una famiglia normale, tutto che procede come lei se l'era sempre immaginato. Preso il diploma si sposa col ragazzo che conosceva da sempre, un posto di lavoro sicuro, dei bambini bellissimi. Una classica vita normale, serena. “Poi non è che succede tutto insieme, è capitato poco a poco”. Racconta di una sensazione come di torpore, in cui suoni, colori, odori, sapori hanno iniziato ad arrivare attutiti, sbiaditi, spenti. “Tutto a un certo punto sembrava difficilissimo: alzarsi al mattino, mangiare. Volevo solo dormire, dormire tutto il giorno e non sentire più niente e nessuno”. Donatella stessa è la prima a non capire cosa le sta succedendo, il marito, i figli, i genitori non capiscono cosa stia accadendo. “Ero sempre stata tranquilla, quasi noiosa, non avevo mai creato un problema. La mia è una famiglia semplice, nessuno capiva cosa avessi”. Inizia una serie di visite mediche, accertamenti perché “pensavamo che mi fossi ammalata di qualche brutto male. Non lo so perché ma tutti pensano sempre a quello quando una persona cambia”. Ma il brutto male di Donatella si chiama depressione: “La cosa più difficile è stata spiegare alla mia famiglia cosa fosse e devo dire che è stato molto difficile anche per me”. Di fronte alle malattie dell'anima spesso c'è un'idea diffusa che la volontà sia tutto: “In quei momenti bui tutti mi dicevano la stessa cosa: dai, tirati su”.
Donatella ce l'ha fatta a tirarsi su, ma dopo anni e con l'aiuto degli specialisti. “Ho capito che mi ero ammalata perché la mia vita non era così perfetta come sembrava, che c'erano tante cose che mi rendevano infelice, che non mi facevano sentire amata, rispettata, ma che per quieto vivere avevo sempre fatto finta di non vedere”. Oggi Donatella ha trovato la via d'uscita da quel tunnel ed ha imparato a dire quando qualcosa la ferisce, quando non è contenta in famiglia, sul lavoro, con le amicizie. “Ho imparato che sì il quieto vivere con gli altri è importante, ma non può esserci se non sono in quieto vivere con me stessa. Ho capito che essere felice è un diritto, quando mi guardo allo specchio la mattina mi dico: oggi Dona devi metterti nelle condizioni di essere felice” e la sera quando torno a casa, mentre mi strucco, chiedo a me stessa: “Dona, hai fatto di tutto oggi per ritagliarti la tua felicità? E voglio potermi rispondere di sì!”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia
Lo stop a Paolo Savona

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia

Con un comunicato ufficioso il Quirinale ha fatto sapere di non accettare diktat sul ministero dell'Economia da parte di Matteo Salvini e Luigi Maio, di fatto sbarrando la porta al professore Paolo Savona. Verto che la Costituzione prevede un confronto fra il premier incaricato (il professore Giuseppe Conte) e il capo dello Stato (Sergio Mattarella) sulla squadra ministeriale. E per i compiti del ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015