L’imprevedibilità dello Spirito

L’imprevedibilità dello Spirito

24.05.2015 - 14:24

0

La domenica di Pentecoste è la naturale conclusione del tempo di Pasqua. Solo con la discesa dello Spirito Santo (Gv 15,26-27; 16,12-15), la Chiesa si espone al mondo e parla le lingue diverse degli uomini come ci ha detto la prima lettura. Lo Spirito è quella persona che rende Cristo presente nel cuore di ogni uomo. Lo Spirito è il frutto dell'Amore del Padre verso il Figlio. Senza lo Spirito Santo, non esisterebbe la Chiesa. I sacramenti si celebrano grazie all'azione dello Spirito Santo. Solo nello Spirito possiamo pregare e dire: "Padre". Quando ci sentiamo liberi dentro, quando vinciamo il nostro egoismo, quando sentiamo dentro la gioia di servire i nostri fratelli e sorelle, lo Spirito opera in noi. Lo Spirito è vita, libertà, fiducia, speranza, testimonianza. Grazie allo Spirito, siamo donne e uomini in pienezza.
San Paolo ci dona nella seconda lettura un elenco dei frutti della carne e di quelli dello Spirito. Amore, pace, gioia, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé sono i frutti dello Spirito Santo. Lo Spirito ci aiuta ad essere attenti, imprevedibili, a cogliere i segni dei tempi presenti nella Chiesa di oggi e nella nostra vita. Aperti al desiderio di novità, di cambiamento fuori di noi e dentro di noi, perché lo Spirito ci aiuta ad essere persone nuove. Ogni nostro progetto può essere cambiato. La nostra vita è varia ed è difficile riuscire a pianificarla, perché all'improvviso qualcosa può non funzionare. Siamo chiamati ad avere delle prospettive di vita di fondo, ma poi lasciarci guidare dalla novità che lo Spirito porta con sé. Lo Spirito ci fa resistere alle pressioni della massa, assumendo un atteggiamento di autocritica nel nostri confronti e della realtà che ci circonda. Ci aiuta a discernere la realtà attuale, per vedere il positivo e compiere scelte profetiche. Gesù parla di Spirito Paraclito, cioè il Consolatore. Oggi un ministero da vivere è proprio questo: consolare. E' l'ascolto dei drammi, delle fatiche delle persone. Basta fermarsi e saper ascoltare, perché la voglia di raccontarsi è grande. Chiediamo che lo Spirito Santo susciti in noi il gusto di vivere la propria fede in un servizio gratuito ai fratelli. Lo Spirito Santo scende e ci dona la grazia di essere persone libere, capaci di novità e aperte all'imprevedibilità.
* Con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia
Lo stop a Paolo Savona

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia

Con un comunicato ufficioso il Quirinale ha fatto sapere di non accettare diktat sul ministero dell'Economia da parte di Matteo Salvini e Luigi Maio, di fatto sbarrando la porta al professore Paolo Savona. Verto che la Costituzione prevede un confronto fra il premier incaricato (il professore Giuseppe Conte) e il capo dello Stato (Sergio Mattarella) sulla squadra ministeriale. E per i compiti del ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015