Gesù ci tocca

Gesù ci tocca

08.02.2015 - 15:42

0

Marco ci regala lo stralcio di una giornata tipo del Maestro. Gli impegni sono tanti, gli incontri si moltiplicano, c'è tanto lavoro, ma anche lo spazio per visitare gli amici, per condividere un pasto. Non c'è molto spazio per stare solo, durante le ore del giorno. E allora Gesù si riserva nel buio della notte un angolo di intimità con il Padre. La preghiera è questo: un tempo di confidenza e di riposo a tu per tu con il Padre. Si tratta del riposo dell'anima, dell'abbandono di ogni preoccupazione nelle braccia di Dio, dell'ascolto attento della voce del Signore. Gesù, in questo, ci è modello ed esempio. Soprattutto, Egli ci rivela che al vertice di una vita normale di un battezzato non può che esserci l'incontro personale con Dio. Garantire uno spazio fisico e temporale di silenzio è essenziale all'esistenza di Gesù e di chi vuole vivere come Lui.
Una delle cose che colpisce maggiormente nella lettura del vangelo di Marco è che in esso Gesù parla poco. Nel vangelo di oggi in particolare ci è detto che Gesù predica nella sinagoga, ma non ci è dato il contenuto del suo insegnamento. C'è una sola frase di lui, due righe in tutto. Il resto di questa pagina evangelica invece ci mostra Gesù all'opera: va in una casa, si avvicina ad un malato, lo prende per mano e lo guarisce, guarisce altri malati, scaccia i demoni, si alza al mattino presto, si ritira in un luogo deserto, prega, percorre tutta la Galilea. E' sorprendente constatare quante azioni di Gesù sono descritte in questo passaggio. Spontaneamente identifichiamo il Vangelo con un insegnamento, con un annuncio. Questo è vero, ma non è tutto. Anzi, si può dire, in un certo senso, che questo è un significato secondario e meno importante.
Dopo aver parlato in tanti modi nel passato, Dio si è manifestato in modo definitivo attraverso il Figlio. C'è qualcosa che le parole non bastano a comunicare e che il Signore può dirci solo facendosi vedere in Cristo Gesù. L'esperienza che Marco vuole trasmettere di Gesù non consiste solo nelle parole che ha sentito da lui ma quello che ha visto con gli occhi, in quello che ha toccato con mano. Ed infatti, uno degli aspetti più importanti del ministero di Gesù è il modo in cui Egli ci guarisce, ci salva: toccandoci. Dobbiamo lasciarci prendere per mano da Gesù, lasciarci toccare da lui. Il modo nel quale ci tocca sono i sacramenti, l'eucarestia, il suo perdono, una vita di preghiera, nella quale più che dire delle cose a Dio, dovremmo lasciare che ci tocchi il cuore.

Con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia
Lo stop a Paolo Savona

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia

Con un comunicato ufficioso il Quirinale ha fatto sapere di non accettare diktat sul ministero dell'Economia da parte di Matteo Salvini e Luigi Maio, di fatto sbarrando la porta al professore Paolo Savona. Verto che la Costituzione prevede un confronto fra il premier incaricato (il professore Giuseppe Conte) e il capo dello Stato (Sergio Mattarella) sulla squadra ministeriale. E per i compiti del ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015