michele cucuzza bianco e nero

Al mondo serve un'Europa degna del suo ruolo

20.03.2015 - 16:27

0

Avremmo bisogno di più Europa (malgrado il notevole impegno di Federica Mogherini) per fronteggiare e sconfiggere il terrorismo dell’Isis, ora che con la strage di Tunisi il cerchio si è stretto e le minacce per il nostro paese direttamente colpito, come la Polonia e la Spagna, si sono fatte più evidenti. Nella fase in cui gli Stati Uniti 'riluttanti' non si sentono più in grado di assumersi il ruolo di 'gendarme del mondo' (l’opinione pubblica americana è stanca di guerre che per altro costano cifre enormi), chi riempie il vuoto nel mondo globalizzato? Da una parte Cina e Russia che, incuranti di diritti e democrazia dei paesi interlocutori, utilizzano come strumenti di politica estera le disponibilità energetiche (quando per esempio Mosca minaccia di chiudere i rubinetti del gas) e le grandi risorse finanziarie di cui dispongono (in Africa i cinesi comprano, investono, costruiscono infrastrutture ovunque). Dall’altra parte ecco l’intensificarsi degli scontri tra i singoli paesi, le guerre civili, il terrorismo, tutto quello che Papa Francesco chiama la “terza guerra mondiale a pezzettini”. Fenomeni che rischiano di accentuarsi perché manca un punto di riferimento che svolga una funzione di 'controllo democratico'. Ne è convinto non a caso chi come Antonio Panzeri, presidente della delegazione del parlamento europeo per i rapporti con il Maghreb, conosce molto bene l'area lungo il Mediterraneo e il vicino oriente dove il califfato nero imperversa: “Se non si crea un nuovo grande soggetto in grado di dirimere i conflitti militari, civili, sociali in atto, garantire cooperazione finanziaria pretendendo negli interlocutori il rispetto delle regole democratiche, i rischi rimarranno alti. E troveranno spazio le tentazioni neocoloniali di qualche singolo stato europeo e lo strabismo di chi nell'UE guarda a est ignorando le frontiere meridionali. Bisogna volare alto: contro il terrorismo (e l'allarme che ne deriva) serve la politica con la p maiuscola, l'unica in grado di regolare i conti e costruire nuove prospettive”. Purtroppo questo al momento non c’è. “Sostenere la Tunisia” ricorda Mogherini “significa rafforzare la sua sicurezza e la nostra”. Non c'è dubbio. Difficile immaginare però nel concreto qualcosa che, in termini di sicurezza, oltre ad aiuti economici vada al di là di iniziative di singole capitali, visto che i 28 paesi dell'Unione non sono in grado di darsi un’autentica politica estera e di sicurezza comune. Un traguardo che avrebbe voluto dire la rinuncia decisa e consapevole di pezzi importanti delle sovranità degli Stati membri: negli anni '50, prima la NATO poi l'ostilità di paesi come la Francia hanno fermato i progetti in questa direzione. Caduta la 'cortina di ferro', negli anni '90, finalmente le prime missioni europee di monitoraggio in ex Macedonia, Bosnia, Congo e, pure, in Iraq e Afghanistan. Non hanno avuto grande eco: forse anche perché il Centro operazioni dell’UE può disporre al massimo di 2 mila addetti. In assenza dell’Europa, attenzione dunque alle ricorrenti tentazioni di iniziative militari nella Libia, paese con l'Is all'offensiva che rischia di contagiare ora la Tunisia: “Non possiamo ripetere gli errori del passato: la coalizione che nel 2011 ha abbattuto Gheddafi non aveva la minima idea di cosa fare il giorno dopo. Il caos attuale nasce da lì”. Panzeri insiste su un punto: “L’unica possibilità concreta è che il negoziato guidato da Bernardino Leòn, inviato speciale dell’ONU, porti frutti positivi, convinca tribù e fazioni in campo (e i paesi arabi della regione) della necessità di un'intesa che sconfigga terrorismo e radicalismo e consenta la nascita di istituzioni unitarie. Solo allora è ipotizzabile una risoluzione dell’ONU che autorizzi un intervento di peacekeeping di supporto, che comunque dovrebbe essere condiviso dai soggetti in campo”.
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia
Lo stop a Paolo Savona

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia

Con un comunicato ufficioso il Quirinale ha fatto sapere di non accettare diktat sul ministero dell'Economia da parte di Matteo Salvini e Luigi Maio, di fatto sbarrando la porta al professore Paolo Savona. Verto che la Costituzione prevede un confronto fra il premier incaricato (il professore Giuseppe Conte) e il capo dello Stato (Sergio Mattarella) sulla squadra ministeriale. E per i compiti del ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015