La sfida di un piccolo Comune

La sfida di un piccolo Comune

24.10.2014 - 13:53

0

In tempi di scontri tra governo e enti locali per i tagli della legge di stabilità, mentre Europa e Italia si fronteggiano su come interpretare il rigore, un piccolo comune italiano, Berceto (2200 abitanti in provincia di Parma, 5 mila proprietari di porzioni di boschi e prati) si prepara a denunciare lo stato per i prelievi effettuati da Roma sulle tasse applicate nella piccola città. La provocatoria iniziativa è annunciata a muso duro dallo stesso sindaco, Luigi Lucchi, 59 anni, perito agrario, socialista dichiarato, a capo di una lista civica, convinto di poter fare da apripista a una ‘rivolta’ generalizzata di tutti gli altri comuni, grandi e piccoli, sulla scia della sua clamorosa sortita. “Chiederò all’avvocato se potrò denunciare lo stato per furto e interruzione di pubblico servizio. Sono disperato, non so neanche se riuscirò a fare il bilancio di previsione: Roma non solo non dà più soldi ai comuni, ma da due anni, per effetto di una legge decisa da Monti, glieli porta via dalle imposte comunali: usa i sindaci come gabellieri. Credo che tutto questo vada contro la Costituzione”. Secondo Lucchi, la sua protesta non ha nulla a che vedere con il cosiddetto fiscal compact: “Fino al 2012 lo stato mandava dei soldi ai comuni, a secondo degli abitanti e di altri parametri. Ci sono stati anni di vacche grasse, altri decisamente meno, ma il meccanismo era quello. Dal 2012 la musica è cambiata: niente più trasferimenti e - in più - gran parte delle imposte e tasse comunali spediti allo stato, mentre i cittadini sono convinti di pagare esclusivamente i comuni. L’esempio più chiaro? Il 50% dell'IMU sulle seconde case va allo stato. Ancora: dalla tassa sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti, l’anno scorso lo stato ha preso 30 centesimi a metro quadrato”. Risultato, secondo Lucchi? “I comuni sono messi in condizione di non poter più erogare servizi: noi allo stato non costiamo nulla, viviamo di imposte locali. Se lo stato prende per sé quei quattrini, in tutto o in parte, perché non ha il coraggio di imporre ancora altre tasse direttamente, abbiam finito”. Lucchi entra nei dettagli della sua amministrazione: “Nel 2012, lo stato ha preteso 700 mila euro, di fronte a un bilancio reale di 2 milioni e mezzo. In più c'è da considerare l'IVA su qualsiasi lavoro realizzato, che il comune deve pagare senza nessun rimborso.
Berceto è al confine con il passo della Cisa, è il terzo comune in provincia di Parma per grandezza, abbiamo 290 km di strade comunali: per chiudere le buche siamo costretti a intervenire con cifre irrisorie, 5-10 mila euro, quando ci sarebbe bisogno di 2-300 mila euro all’anno. Ce li avremmo, se le tasse comunali rimanessero a noi. Non riesco nemmeno a sostenere la mensa e gli altri servizi sociali per i quali i cittadini pagano le imposte locali”. Finora la protesta di Berceto è rimasta solitaria: “Lo so”, è la secca replica di Lucchi, “i sindaci non conoscono i bilanci. Ma è una situazione che vale per tutti i comuni. Purtroppo l’ANCI si occupa solo di quelli più grandi”. I cittadini di Berceto sono interessati ai polemici progetti del loro sindaco? “Sicuro. A maggio sono stato confermato primo cittadino con il 67% dei voti”. Si rende conto che lo stato rischierebbe la bancarotta se le dessero ragione? “Se non si fanno gesti eclatanti, nessuno ti prende in considerazione. Quando si è cominciato a parlare della TARE avevo tentato di mettermi in mutande davanti al Quirinale: protesta dal significato chiarissimo, me l’hanno impedita ma poi mi ha chiamato un talkshow della sera”. Prende il tutto molto sul serio l’avvocato civilista Alfredo Bassioni, docente di Ordinamenti giudiziari: “Siamo di fronte alla violazione dell'articolo 119 della Costituzione, secondo cui tutte le imposte raccolte dai comuni dovrebbero rimanere nella disponibiltà dei comuni stessi: per questo, agiremo nei confronti dello stato per il recupero delle somme illegittimamente percepite.
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia
Lo stop a Paolo Savona

Mattarella non può scegliere il ministro dell'Economia

Con un comunicato ufficioso il Quirinale ha fatto sapere di non accettare diktat sul ministero dell'Economia da parte di Matteo Salvini e Luigi Maio, di fatto sbarrando la porta al professore Paolo Savona. Verto che la Costituzione prevede un confronto fra il premier incaricato (il professore Giuseppe Conte) e il capo dello Stato (Sergio Mattarella) sulla squadra ministeriale. E per i compiti del ...

 

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015