Trovato il cappello dell'impiegato scomparso

Marina di Grosseto

Trovato il cappello dell'impiegato scomparso

10.10.2014 - 13:10

0

Un primo segnale forse c’è. Dopo quasi una settimana di ricerche è stato ritrovato il cappellino di Danilo Manenti, 49 anni, l’impiegato dell’Asl di Grosseto scomparso dal primo ottobre a Marina. E’ stato ritrovato sulla spiaggia di Marina, asciutto, da un gruppo di volontari che, coordinati dalla Prefettura di Grosseto, collaborano con le forze dell’ordine. Mentre le ricerche proseguono anche da parte dei sommozzatori nei canali, vengono controllate le telecamere di sorveglianza dei negozi della cittadina costiera. Un’altra giornata di ricerche, senza fine e senza sosta per gli oltre 70 agenti e volontari impegnati in questa importante operazione. Danilo, ricordiamo, il giorno della scomparsa indossava una maglietta bianca, dei jeans e un paio di occhiali da vista. Il cellulare è spento e non permette di agganciare la cella di nessuna zona, e l’ultimo segnale è stato intercettato alla cella di via Orcagna. Ieri mattina, dalla base operativa, che sembra essere un vero e proprio quartiere generale, posizionata al Cavallino, sono ripartite tutte le unità che sono all’opera per il ritrovamento: verso le ore 9 Vigili del Fuoco con cani compresi, Polizia, Forestale, Guardia Costiera, sommozzatori, che durante la notte si alternano per non mollare mai la presa. I sommozzatori dei pompieri di Livorno, hanno controllato il canale della foce, al molo, risalendo poi verso l’interno, fino al mare con diversi giri anche sotto gli scogli che confinano con il Porto della Maremma. Nel frattempo la pineta è stata battuta a piedi e a cavallo. Presenti sul posto anche tutti i familiari di Danilo Manenti, molto scossi e chiusi nel loro dolore. La zona del ritrovamento del berretto ha portato ad intensificare le ricerche nelle vicinanze del litorale e ha richiesto l’intervento della Guardia costiera che ieri ha perlustrato la zona. In Prefettura ieri mattina si è tenuta una seconda riunione di coordinamento in cui si è disposto di mantenere tutte le forze in campo, di uomini e di mezzi, compresi cavalli, elicottero e unità cinofile. Dopo i cani di Vigili del fuoco e soccorso alpino ieri pomeriggio è arrivato anche un cane della Polizia di Stato. “Il cappellino è stato ritrovato subito giovedì mattina davanti al bagno Il Faro a Marina - spiega la sorella Loreta distrutta dall’attesa e dal dolore - hanno intensificato appunto le ricerche per mare in maniera diversa per cercare anche un piccolo segnale. A questo punto l’importante è che si trovi, dopo quasi una settimana l’attesa è veramente struggente. La speranza è sempre viva dentro di noi ma naturalmente queste ricerche ci hanno veramente buttati giù di morale e siamo sempre più distrutti da questa tremenda situazione. Le ricerche ora come ora sono comunque sempre attive sia per mare che per terra. L'importante è trovarlo”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Spettacoli

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Massa Marittima

Nel chiostro la mostra omaggio dei ragazzi al maestro Fontana

Sarà inaugurata venerdì 25 settembre alle 17,30 e resterà visitabile fino al 6 gennaio 2016 la mostra fotografica allestita al Chiostro di Sant’Agostino "Le forme ...

21.09.2015

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

La presentazione

Grosseto

Tre giorni di eventi per celebrare il cavallo

Dal 25 al 27 settembre ritorna il Festival dei cavalli datato 2015. Tre giorni intensi all’insegna dei destrieri nello scenario del Centro militare veterinario di via ...

19.09.2015

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Grosseto

Aperte le iscrizioni alla scuola di musica Chelli

Con l’avvio del nuovo anno scolastico riprende con slancio anche l’attività della scuola di musica Chelli, che insieme alla scuola d’infanzia San Giuseppe, alla scuola media ...

17.09.2015